NEWS


E' USCITO ILNUOVO CD

"ANIMA MUNDI"

PER ACQUISTARLO RIVOLGERSI A xaurin2@yahoo.it

 


GLI ARCANI E L’ANIMA DEL MONDO

Anima Mundi è un’opera musicale di Vincenzo Zitello, composta da 22 brani, corrispondenti ai 22 Arcani Maggiori. Tutte le composizioni sono state scritte e registrate con l’arpa celtica nel gennaio del 2018, in soli 21 giorni. In questa prima fase il patrimonio archetipico dei Tarocchi ha preso forma, con la feconda immediatezza propria del Simbolo in sé. È infatti attraverso l’ispirazione mistica che il Bardo raccoglie le immagini dagli Elementi del Mondo, e mescolandole con la propria anima le trasforma in suoni, divenendo così il Magus: il ponte tra il Cielo e la Terra.
Le sembianze sonore dei 22 brani sono filtrate dalle esperienze dell’autore, ma il disegno di cui fanno parte, e la materia invisibile che le compone, appartengono a un’anima collettiva, vasta quanto l’eredità universale che gli Arcani stessi custodiscono. La musica pura, senza tempo, che sorge dall’arpa celtica di Zitello, è densa di linguaggio metafisico e rappresenta meglio di qualunque parola un altissimo insegnamento iniziatico: il percorso simbolico, che si dispiega convenzionalmente tra il Matto e il Mondo, tra l’Alfa e l’Omega, rivela, nella sua natura più profonda, che al di là del regno fenomenico non c’è reale separazione tra le anime.
In una seconda fase temporale, l’autore ha curato gli arrangiamenti, raffinandoli con la pazienza meditativa e con l’amore di un abile artigiano. Zitello ha suonato dozzine di strumenti, dando voce propria a ciascuna carta. L’uso degli archi, del theremin, della lama sonora e dei flauti, corona le vibranti melodie dense di sogni: si dispiega così un ventaglio di ispirazioni sonore che spaziano dalle perdute Età dell’Oro al Medioevo, fino alle avanguardie del Novecento.
Nella terza fase dell’opera sono stati coinvolti numerosi musicisti.

Vincenzo Zitello: arpa celtica, violino, viola, violoncello, contrabbasso, lama sonora, salterio ad arco (basso, tenore, soprano), santoor, theremin, glockenspiel, kalimba, flauto traverso, ocarina, tin whistle e low whistle, flauti barocchi (basso, tenore, contralto, soprano, sopranino, klaine sopranino), cromorni (tenore e soprano), clarinetti (mb, sib, c, basso bb), xaphoon, bawu, fujara.

Ospiti:

Glen Velez: Bodhran, Riqq, Maracas, Rider, Triangolo;
Gino Avellino: Sackbut Tenore, Trombone Tenore;
Arthuan Rebis: Esraj, Nyckelharpa, Bouzouki;
Mario Arcari: Oboe, Corno Inglese;
Daniele Dubini: Bansuri, Handpad;
Laura Garampazzi: Tromba;
Alfio Costa: Hammond B3;
Andrea Valeri: Chitarra Acustica;
Daniele Bicego: Uilliann Pipe, Tin Whistle, Flauto Irlandese Traverso;
Ezio Guaitamacchi: Auto Harp;
Claudio Rossi: Mandolino Americano, Lap Dobro;
Federico Sanesi: Tabla.


THE ARCANS AND THE SOUL OF THE WORLD

Anima Mundi is a musical work by Vincenzo Zitello, composed of 22 tracks, corresponding to the 22 Major Arcans. All compositions were written and recorded with the Celtic harp in January 2018, in just 21 days. In this first phase the archetypal heritage of the Tarot took shape, with the fruitful immediacy of the Symbol itself. It is in fact through the mystical inspiration that the Bard collects images from the Elements of the World, and mixing them with his own soul he transforms them into sounds, thus becoming the Magus: the bridge between Heaven and Earth.
The sound features of the 22 tracks were filtered by the author's experiences, but the design they are part of, and the invisible matter that composes them, belong to a collective soul, as vast as the universal heritage that the Arcans themselves hold . The pure, timeless music that arises from Zitello's Celtic harp is dense with metaphysical language and represents better than any word a very high initiatory teaching: the symbolic path, which unfolds conventionally between the Fool and the World, between Alpha and Omega, reveals, in its deepest nature, that beyond the phenomenal realm there is no real separation between souls.
In a second phase, the author took care of the arrangements, refining them with meditative patience and the love of a skilled craftsman. Zitello played dozens of instruments, giving each card its own voice. The use of the strings, the theremin, the sound blade and the flutes, crowns the vibrant dense melodies of dreams: thus unfolds a range of sound inspirations ranging from the lost Golden Ages to the Middle Ages, up to the twentieth century avant-gardes.
Numerous musicians were involved in the third phase of the work.

Vincenzo Zitello: Celtic harp, violin, viola, cello, double bass, sound blade, arched psaltery (bass, tenor, soprano), santoor, theremin, glockenspiel, kalimba, flute, ocarina, tin whistle and low whistle, baroque flutes ( bass, tenor, contralto, soprano, sopranino, klaine sopranino), cromorni (tenor and soprano), clarinets (mb, sib, c, bass bb), xaphoon, bawu, fujara.

Guests:
Glen Velez: Bodhran, Riqq, Maracas, Rider, Triangle;
Arthuan Rebis: Esraj, Nyckelharpa, Bouzouki;
Mario Arcari: Oboe, English Horn;
Daniele Dubini: Bansuri, Handpad;
Laura Garampazzi: Trumpet;
Alfio Costa: Hammond B3;
Andrea Valeri: Acoustic Guitar;
Daniele Bicego: Uilliann Pipe, Tin Whistle, Irish Traverso Flute;
Ezio Guaitamacchi: Auto Harp;
Claudio Rossi: American Mandolin, Lap Dobro;
Federico Sanesi: Tabla;
Gino Avellino: Sackbut Tenor, Tenor Trombone.


21 Giugno Como (CO) Villa Sucota
Parolario 2019


25 Maggio Desio (MB) PalaDesio
Ospite della Nazionale Italiana di Ginnastica Ritmica


24 Maggio Arcore (MB) Villa Borromeo d'Adda

Inaugurazione 5 Festival della Cultura


 

12 Maggio Monza (MB) Villa Reale di Monza

La Bella di Monza IV Edizione


1 Aprile Venezia (VE)

Teatro La Fenice

150° della Federazione Italiana Ginnastica